Parolmente

Blog di Pianella e dintorni
AttualitàPoliticaEconomia e LavoroCultura e spettacoliSportSegnalazioni

PICCOLA STORIA. Introduzione della Legge sulla contribuzione fondiaria del governo francese nell’amministrazione finanziaria del Regno di Napoli 1806

ELSO SIMONE SERPENTINI

Con la legge 8 novembre 1806 sulla contribuzione fondiaria il governo francese introdusse nell’amministrazione finanziaria del Regno di Napoli importanti modifiche in vista della formazione di un catasto provvisorio di tipo descrittivo che sarà possibile anche sulla base dei successivi decreti del 4 aprile 1809 n. 335, del 12 agosto 1809 n, 441 e del 9 ottobre 1809 n. 447.

Le prime operazioni catastali furono tuttavia compiute già nel 1807. Con proprio atto deliberativo, del 23 marzo 1807, sottoscritto dal Sindaco Vincenzo Todesco, dal primo Eletto Vincenzo Egizzjo, dal Cav. Pasquale Martirani, Commissario Ripartitore, Emidio Verrotti,Commissario Ripartitore, Alfonso De Felici, Controloro, controfirmato da Domenico d’Annibale, cancelliere, senza la firma di Nicolò de Deo, 2° eletto, il cui nome compare in testa al documento, deliberato sotto “Giuseppe Napoleone 1° Re”, il Comune di Pianella procede all’esecuzione della Legge 8 novembre 1806 relativa all’imposizione unica fondiaria. Si chiede ad ogni possidente di presentare al Comune “una nota distinta delle rispettive possidenze, individuando in essa il locale e la qualità de’ terreni, e seminatorj, pratili, vignati, olivetati, o alborati”, se in concessione a terzi e a chi, indicando anche la casa della propria abitazione e quelle rurali, con il relativo numero delle stanze.

Ai proprietari vengono concessi sei giorni di tempo per presentare la lista con le notizie indicate, trascorso il termine saranno mandati i periti a quanti non l’hanno presentata, con spese a carico di questi ultimi. Tutti gli interessati vengono richiamati alla necessità di rispettare il termine fissato, trattandosi di un Reale Comando. L’ordinanza sarà pubblicata nelle debite forme, sì che venga conosciuta da tutti, senza che “si possa invocare causa d’ignoranza”, sarà affissa nei soliti luoghi della città e poi torni al Comune “con la debbita relata”.

Parolmente

Tienilo a Mente
ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Contatti
info@parolmente.it
Donazioni
Copyright © 2024 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu