L'inciviltà e l'ineducazione dilagano più della pandemia.

GIULIO DE COLLIBUS

Pescara. L'inciviltà e l'ineducazione dilagano spaventosamente,ancor più da quando è esplosa la pandemia.

Basta vedere i marciapiedi e le aiuole ricoperti di tutto (comprese tante mascherine), lattine e bottigliette abbandonate dappertutto, bustoni ed immondizie abbandonati accanto ai cassonetti per non fare la fatica di aprirne i coperchi, sacchi , anche di rifiuti, abbandonati a lato dei contenitori per abiti usati, sacchetti di spazzatura che riempiono, debordando, i cestini posti lungo le strade ove vige il ritiro porta a porta, maggior numero di proprietari di cani che non raccolgono gli escrementi, motociclisti che in pieno centro fanno rumorosissime e pericolosissime "sgassate".

Questo per non parlare dell'uso pericoloso e sconsiderato dei monopattini da parte di troppi giovani e dell'utilizzo dei marciapiedi da parte di molti ciclisti di ogni età.E non ci sono controlli nè repressioni.

ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Copyright © 2022 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu