Parolmente

Blog di Pianella e dintorni
AttualitàPoliticaEconomia e LavoroCultura e spettacoliSportSegnalazioni

L'Angolo della Poesia "Lu bbandeste"

20 Giugno 2024

Il 17 giugno 2023 ci lasciava improvvisamente il caro amico e presidente della Banda di Chieti Renzo Pirozzi. In ricordo della sua grande passione per la Banda ho voluto dedicare questi versi insieme alcuni cenni storici sulla vita de " lu bbandeste".

di REMO DI LEONARDO.

           Lu bbandeste

Nghe lu strumende angore calle

lu bbandeste pe' pahese e cettà

va facenne ammonde e bballe.

Nu colpe de tamorre! corre aleste!

che mmò s'hapre la feste nghe la marce

de lu mastre Di Girolamo “Abruzze 'n Feste”.

Nna llu core arendone nu returnelle:

a la case nghe 'mbò de malenguneje

àje landate l'amore mi’ cchiù bbelle.

S'à fatte notte lu Sande arendrate,

stracche ma cundende, pure uoje

ddu' solde lu bbandeste s'abbuscate.

N-gile arendone lu spare, l'utema bbotte!

aspietteme amore a mi’ 'n-da addurmè

nghe nu vasce te vuje da' la bbona notte.

ASCOLTA LA POESIA

IL BANDISTA - LU BBANDESTE

Ancora oggi il mestiere di bandista (lu bbandeste in pianellese) non è facile. Deve svegliarsi all'alba perché il giro del paese con la banda inizia presto. Ancora in molti paesi vi è l'usanza di depositare una corona di alloro ai Caduti, e con la banda partono le note del Piave.

I festaioli vogliono far suonare la banda fin dentro le stanze all'ultimo piano per non scontentare nessuno, e il comitato ci tiene che la banda arriva fino all'ultima casa della periferia cittadina. I bambini corrono guardano con ammirazione, ora il trombone, ora il tamburo, ora la trombetta.

Arriva il momento per una pausa, ma dura pochi secondi. Tre colpi di cassa richiama all'ordine tutti i bandisti. E la banda torna a suonare. A mezzogiorno i bandisti si ritrovano in un alloggio, spesso una scuola, una palestra o edificio comunale in disuso, per mangiare.  A volte si cucinano un primo piatto (con la cucina a gas) e a turno si "lava le pentole".  A fine pranzo riposano sulle brandine appositamente allestite.

Il bandista, con al seguito il suo strumento, deve raggiungere con puntualità la chiesa del Santo, per l'uscita della processione. Finite le funzioni il capobanda raccomanda quasi sempre di eseguire la marcia " Mosè" tratta dall'opera “Mosè in Egitto” di Gioacchino Rossini, e subito dietro il Santo il famosissimo "Noi vogliam Dio", per far contente le pie donne e non solo. Dopo un lungo giro il Santo rientra in chiesa.

In Abruzzo nell'aquilano la processione si svolge generalmente nella tarda mattinata, mentre nelle atre province di solito il pomeriggio. Dopo un lungo giro il Santo rientra in chiesa. La festa si conclude con il concerto in piazza intorno a mezzanotte e i bandisti vanno a dormire nell’alloggio, se la città in cui si suona è distante dal proprio paese, altrimenti stanchi a casa con un 'unico pensiero, quello dell'odore del sugo preparato dalla propria moglie, dalla madre o dalla nonna.... E la camicia bianca pronta sul divano insieme alla cravatta della divisa, e il giorno dopo in un'altra piazza, a fare il bandista.

L’esperienza nella banda da giro è stata fondamentale per molti maestri e musicisti ( Muti Gazelloni ecc. ), sia sotto il profilo musicale che sotto quello organizzativo. Organizzare l’attività bandistica richiede tempo, tenacia e dedizione profonda. Le prove cominciano a partire da con il raduno dei musicanti nel paese d’origine della banda. Il repertorio, stabilito dal direttore, è costituito da brani sinfonici e arie liriche. In tutto bisogna tenere in caldo quaranta, cinquanta pezzi che devono formare oggetto di prova da parte di tutti gli strumentisti che, negli anni ottanta, arrivavano fino ad oltre cinquanta. Le formazioni si sono via via ridotte per comprensibili motivi economici. Nel repertorio non devono mancare le marce che trasmettono allegria a tutto il pubblico, adulti e bambini compresi,

Questo lavoro non sempre viene ben retribuito. Oggi a svolgere l'attività di bandista sono spesso dei giovani musicisti che studiano nei conservatori che suonano con la banda per autogestirsi e magari mantenersi gli studi insieme ad appasionati musicisti spesso professionisti in pensione oppure che svolgono un altro lavoro e lo fanno per arrotondare il loro stipendio.

SITOGRAFIA

https://www.gravinaoggi.it/il_bandista_-_u_bannist.html

https://www.algrama.it/

Parolmente

Tienilo a Mente
ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Contatti
info@parolmente.it
Donazioni
Copyright © 2024 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu