La Via Crucis del Venerdì Santo, meditazioni poetiche in volgare abruzzese

REMO DI LEONARDO /

Sab 9 aprile, 2022 /

Il Venerdi Santo con la sua Via Crucis è un evento religioso importantissimo, particolarmente sentito e ancora vivo nella comunità cristiana intorno al quale si concentra una serie di emozioni, di comune sentire, di uguale parlare che rinsalda  i legami interpersonali, che fortifica il senso della religiosità ed i valori della Croce nella nostra comunità .

L’idea di una raccolta delle meditazioni poetiche sulla passione di Cristo, nei vari dialetti della nostra regione, non è una novità, infatti, diverse sono le opere di poeti abruzzesi pubblicate da diversi Enti siano essi pubblici o religiosi, Parrocchie, Pro Loco, Associazioni,  come la Settembrata Abruzzese di Pescara in occasione delle varie edizioni della Via Crucis itinerante.

Anche Pianella ha dato in passato il suo contributo, infatti, grazie all Parrocchia di S. Antonio e al suo Parroco P. Vincenzo Tarabborelli, esce nel 1981, la prima edizione della Via Crucis in vernacolo pianellese scritta dai poeti, Vittorio Morelli, Antonio D’Urbano, Giuseppe Antonelli e dallo scrivente.

Un evento che successivamente si ripeterà con la pubblicazione nel 1992 a cura  dell’Associazione Settembrata Abruzzese a Pianella, con il Patrocinio del Comune di Pianella  “Assessorato alla Cultura”, di un libretto in cui sono racchiuse le riflessioni poetiche della Via Crucis itinerante svoltosi dai poeti abruzzesi  della Settembrata.

Nel 2010, a distanza di anni, grazie all’Associazione Culturale “Amici di Eduardo”, alla Parrocchia di S. Antonio e al suo Parroco P. Giuseppe Grussu, P. Tommaso Pallicca, con il Patrocinio dell'Assessore alla Cultura Vincenzo Pace, pubblicai l'opera, "Via Crucis e Lauda Drammatica del Venerdì Santo", usando, in questa nuova edizione, un modulo linguistico che andasse oltre il dialetto o il vernacolo della parlata pianellese, allargando geograficamente e sperimentando di fatto un modello linguistico riconducibile alla parlata “volgare”  abruzzese . Una Koinè che in qualche modo fosse più da vicino riconducibile alla parlata di area pescarese-teatina ed in parte anche a quella teramana-vestina.

Oggi, sperando di fare cosa gradita ai lettori di "Parolmente", ho voluto riproporne i testi cadenzandone la pubblicazione con due Stazioni al giorno a partire da oggi sino a Venerdì Santo.

Mafalda Di Pentima

LU TRADEMENTE

Sotte nu cile senza stelle e mute,

la  notte cove l’ore de lu trademente ,

Giude pe’ trenda denare solamende 

pure l’aneme e lu core s’à vennute.

Pe’ la vije da lu foche de le torce,

l’ombre s’allunghe e s’accorce

de li suldate e de lu tradetore

che va truvenne lu subbellatore.

Ecche pe’ Criste  arrevate l’ore!

e già sende lu delore de la vite,

‘mbronde già trasude sedore,

sangue  e delore de spine  fiurite.

E mmo’nu pinzire le  turmende;

‘n-gocce a Criste j’arvè ‘m-mende ,

le parole de ll’Angele  perfette

che lu destine j’aveje predette.

Ecche arrivate lu mumende!

ecche culle che à perse lu sendemende,

ecche lu piande senza cunforte,

ecche lu vasce  che sa de morte.

Notte senza pace copre lu sonne

de chi la vrevugne annasconne.

Appese a n’albere mo’stà lu remorse,

ma nesciune amiche a salvarle à corse.

Perdunece, Jasù Crì’nostre

se t’aveme fatte aremanè

sole nghe lu delore a ti !

Perdunece se t’aveme abbandunate.

Sole, gne n’agnelle ’mezze li lupe

senza azà nu dete de fronde a la morte

aveme durmite facenne finde de niende

pe’ la vrevugne de lu trademende.

Elda Di Vincenzo

I STAZIONE

Gesù cundannate a mmorte.

Anninze ‘na culonne trascinate

gne nu cenge Criste s’aretruhate

spujate e ‘nzanguenate .

Anninze a Pelate, l’ànne purtate

pe’ sendì gna esce  la sendenze,

ma le mane s’à ‘rlavate .

Pelate da lu trone ha strellate:

- Che v’à fatte stu povere Criste?

- ‘Ncroce ‘n-croce! aresponne la ggende.-

Tu annahelle, mute, piene d’amore

e de ‘nnucenze,  senza nu la mende .

Pe’ ttré vvote lu halle à candate

ma l’amiche a Tì’ , care Pietre ,

pe’ ttré vvote sole t’à rennehate .

Segnore perduneme pe’ tutte

le vote che nd- àje credute

quande pe’ colpa mi’ hi’ patute .

Valentina Cutilli

II STAZIONE

Criste se ‘ngolle la Croce

La cundanne à ‘rrevate!

a Ggesù Criste li suldate

lu strumende j’à  purtate.

Esse, allarghe le vracce

mut’ e senza nu lamende

cchiapp’ e se l’ambracce.

‘Ngurdate sopre la cocce

‘na curone di spine  fa culà

lu sangue hoccia , hocce.

Ammonde la vije, ‘na lagne,

lu tradetore  se pende,

se vatte lu pett’ e piagne.

Perdune, Segnore Gesù ,

se cacche vote ‘sta Croce

ne’ vuleme ‘ngullà cchiù.

Le tavole pittoriche che andranno ad illustrare le varie meditazioni poetiche della Via Crucis sono state realizzate da giovani artisti della Scuola Media di Pianella nell' a.s. 2009-10 coordinati dalla Prof.ssa Silvia Taraborelli .

Bibliografia:

R. DI LEONARDO, Via Crucis, Lauda Drammatica del Venerdì Santo, As.. Culturale Amici di Eduardo, Marzo 2010, MC Tip. Grafica di Cepagatti.

                                                                 

ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Copyright © 2022 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu