Blog di Pianella e dintorni
AttualitàPoliticaEconomia e LavoroCultura e spettacoliSportSegnalazioni

La famiglia la Tolfa e Pianella

REMO DI LEONARDO.

Dall'Augusta Casa Anicia di Roma ebbero origini varie prosapie come i Beccaria, gli Aquino, i Vitaliani, i Leoni; dalla stirpe Leoni discendono i Frangipane di Roma.

Da un ramo dei Frangipane deriva la famiglia la Tolfa, infatti in vari testi sono appellati indifferentemente Frangipane, della Tolfa e Frangipane della Tolfa.

Nel corso dei secoli il Casato godette di nobiltà in Roma, Abruzzo, Campobasso, Puglia, Sicilia, Udine e Napoli dove i Frangipane furono ascritti ai Sedili di Capuana, Montagna e Portanova, e i della Tolfa al Sedile di Nido. Possedettero numerosi feudi tra i quali Castiglione, Mola, Polignano, Sannio, Serino, Solofra, ecc.; furono decorati dei titoli di conti di San Valentino e Pianella, conti di Serino e duchi di Grumo.

Nel 1487 Ferdinando I d'Aragona concesse la contea di San Valentino, terra in Abruzzo Citra, a Urgantino Orsini, il cui figlio vendette a sua volta, nel 1507, il castello di S. Valentino a Giacomo della Tolfa primo Conte di San Valentino e di Pianella. Questi muore in anni anteriori al 1551, in quanto Giulio della Tolfa, suo figlio, confermando gli statuti di Pianella l'otto aprile del 1551, lo indica come già morto in tale data.

Giulio della Tolfa sposa Vittoria Carrafa (Carafa) dalla coppia nacque il Conte Carlo nato a Napoli, che sposò a Napoli Livia Spinelli, nobile dei marchesi di Fuscaldo; la figlia Vittoria, contessa di San Valentino sposò Scipione Pignatelli Carafa († 1620); per figlio ebbero Camillo Pignatelli Frangipane della Tolfa, 3° marchese di Lauro (1584 † 1654) che impalmò il 9.7.1605 Livia Pinelli, dei duchi di Acerenza.

Giulio governò la Contea di San Valentino e Pianella per undici anni confermando gli statuti già concessi dal padre .

Nel 1487 il contado passò agli Ursino e, nel 1507, ai De' Frigi Della Tolfa, passaggio di cui si trova testimonianza nella lapide murata nell'atrio del castello dove compare l'epigrafe commemorativa ubicata nell'androne del palazzo: jacobus: tolfe utilis: di(c)e(n)s: rome oriu(n)d(u)s a friigis penatib(u)s: origine(m): trahe(n)s: s(an)c(t)i: val(en)ti(ni): comes: ac planelle hoc opus: costrui fecit anno a nativitate d(omini) 1:5:0:7. "Giacomo proprietario di Tolfa, proveniente da Roma, traente origine da Penatibus Frigiis, conte di San Valentino e Pianella, fece costruire questo edificio nell'anno del Signore 1507".

BIBLIOGRAFIA:

ELISEO MARRONE, Il Granaio d'Abruzzo dal Comune all'età Farnesiana, Ed. Tracce, Pescara, maggio 2012.

Sitografia.

https://www.nobili-napoletani.it/Tolfa-della.htm

ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Contatti
info@parolmente.it
Donazioni
Copyright © 2024 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu