In ricordo di Don Everino Conti. Rapporti epistolari con la marchesa Silvina Olivieri per la chiesa del Ss. Salvatore di Pianella

Vittorio e Alessandro Morelli / Pianella, 7 maggio, 2022 /

Everino nacque a Pianella il 13 maggio 1880 in Largo Santa Maria, da Raffaele, possidente e Rosaria Di Croce. Testimoni del documento che ufficializzava la nascita furono il pastaio Nicola Acciarini (n. 1849) e Ferdinando De Berardinis (n.  1835) di professione pittore.

Don Everino è uno degli estensori delle memorie storiche di Pianella, insieme ad Alterisio Lizza, Vincenzo Verrotti, Camillo de Felici, Vincenzo Tribuzi ed altri.

Con Regio Decreto del 6 ottobre 1905 fu nominato parroco per la parrocchia di S. Salvatore in virtù del Regio patronato1.

Everino, uomo di cultura, penna raffinata; sacerdote che ha animato la vita spirituale e culturale pianellese, sostenuto anche da Silvina, consorte di Gesualdo de Felici, profuse un grande impegno per abbellire la chiesa con statue, effigi, arredamenti, paramenti sacri ed organo per accompagnare le messe. Il particolare pavimento della chiesa è parzialmente visibile ancora oggi con ottagoni di 27 centimetri ed uno spessore di 3 cm come riportato nel volume Ricerche sul patrimonio architettonico in Abruzzo e in Molise: terre murate (2010), a cura di Claudio Varagnoli (p. 44).

Nel 1938 i due parroci di Pianella risultano essere Don Everino e Don Giuseppe Gigante.

Da come si desume dallo studio parziale delle corrispondenze2, la chiesa del Ss.  Salvatore era sotto la cura e devozione della famiglia de Felici, prima del ramo dei baroni di Rosciano e poi dei marchesi di Casalincontrada con l’interessamento di Donna Francescapaola3, discendente della famiglia del Giudice (marchesato), con il diritto di patronato su una cappella con diritti e doveri derivanti dalla fondazione della stessa.

«Lì 12 s, 1908

Nob. Ma sig. ra Marchesa

Con grande piacere le fo nota che ieri sera Mons. Vescovo ha ribenedetto solennemente la nostra Cara Chiesa- insieme al nuovo organo che è un vero gioiello.

A parte le mando un giornale dove leggere il Collaudo redatto da due esimii Professori di Penne.

Mentre Le rendo sentite grazie della sua generosità Le rammento la promessa della Statua della Vergine di Lourdes, che sarebbe una grandissima gioia della nostra piccola Chiesa.

Le accludo nella presente una fotografia mandatami dalla Spettabile ditta Rosa e Zanasio di costà- il prezzo varia a seconda le dimensioni ed a seconda le decorazioni - dalle Lire 120,00 alle 160,00

La festa della Vergine Ss.ma è l’11 del prossimo febbraio e sarei contentissimo poter esporre solennemente per detto giorno della Immagine della Madonna Ss.ma, l’Immacolata Regina delle Rose celesti.

Ella stessa potrà recarsi dalla sullodata ditta e scegliere la statua e la decorazione che meglio Le piacerà.

La Vergine Benedetta spargerà su di lei e sopra i suoi Cari le più elette benedizioni.

PregandoLa di un cortese e gentile riscontro porgo i miei più distinti ed affettuosi ossequi al Car.mo Suo Figlio D. Luigi e con stima sincera mi firmo.

   Dev. Mo a servirla

Parroco Everino Conti».

Dalla lettera si evince che la statua da venerare a Pianella, con l’impegno della marchesa Silvina Olivieri de Felici, era da acquistare presso la ditta "Rosa e Zanazio " di Roma.

Una azienda attiva sul finire dell’Ottocento che produceva statue sacre nelle vicinanze di piazza San Pietro.

Una statua sacra della ditta romana con lo stesso soggetto è presente in provincia di Mantova a Roncoferraro.

Silvina Olivieri in quel periodo si recava a Roma dove soggiornava il giovane figlio Luigi4, ben introdotto nei salotti romani.

Foto

Fig. 1 Piazza Diaz, la chiesa con il campanile foto: Vittorio Morelli

Note bibliografiche

  • 1. Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia, a. 1906, n. I, 2 gennaio.
  • 2.Corrispondenza tra E. Conti e Silvina Olivieri, lettera ms., trascrizione a c. di V. Morelli, a.  1972.
  • 3. A. Morelli, Storia genealogica delle antiche famiglie pianellesi, in preparation, p. 99.
  • 4. Ivi, p. 178.

Sitografia

https://catalogo.beniculturali.it/detail/HistoricOrArtisticProperty/0300135444, consultato il 4 maggio 2022.

ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Copyright © 2022 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu