Addenda n. 2 - La Via Crucis del Venerdì Santo, meditazioni poetiche in volgare abruzzese - V e VI stazione

REMO DI LEONARDO / Mar 12 aprile 2022 /

V Stazione - Barbara Scorrano

V STAZIONE

Gesù ve’ aiutate da lu Cirenee

Saje  ‘mmonde lu Calvarie lu delore.

Pe’ sbaje se trove a passà  Semone,

cuntadine fort’ e de core bbone,

che n-zà però chi è chelu Segnore.

Criste ‘mmonde la vije s’à ‘mbujate,

l’ucchie  pe’ lu sudore  ji ‘ngenne,

sotte lu pese de le pene va sbandenne

mindre ji’ coce  la pelle ‘mbiahate .

Lu suldate huarde ‘m-mezze la folle

pe’ truhà che l’aiute a purtà la Croce,

ecche! lu Cirenee  sende ‘na voce

senza capì, va chiappe e  se le ngolle.

De Marije  arendone  lu piande,

lacreme dulurose ji cole ‘mbette

e lu core da sette spade ve’ trafette,

lu monne de vrevugne s’ammande.

Da la Croce va scappenne la ggende,

ma n-ze saje senza che lu Strumende,

Esse che sa lebberate da la morte

ce l’à ‘m-barate gn’ a ‘stu monne se  porte.

VI Stazione - Benedetta Buzzelli

VI STAZIONE

La Veronica arssuche la facce de Criste

Gesù Criste mi’, ‘mmonde a ‘ssa vije

come la Veronica te vulesse

menè nghe la Croce a Tì’ appresse.

Arlavà ‘ssa facci-a Ti’ dulurose

e arssucarle, nghe tande amore,

nghe ‘sta tuvaje profumate de rose.

Quande vulesse sfiurà nghe ‘sti mane

sse labbre arsurate de justizie,

accarezzà le piahe Ti’, piane, piane.

A ccuscì,  senza farte troppe male.

- Grazie, fratelle, a mmè tande care

Grazie a mmè pe’ nu poche de pietà?

Ecche lu Volte Sande c’annasconne

sangue e sedore,  che quande le chieme

sembre  t’aresponne sopre stu monne.

Speranze e vita   che te dà’  cunforte,

che pure te fa capì quande   l’ore ,

ca pe’ Creste l’amore vince la morte.

ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Copyright © 2022 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu