Parolmente

Blog di Pianella e dintorni
AttualitàPoliticaEconomia e LavoroCultura e spettacoliSportSegnalazioni

STORIE DELLA EMIGRAZIONE ABRUZZESE: John Aielli, storico conduttore radiofonico e musicista

GEREMIA MANCINI.

John Aielli nacque a Cincinnati, in Ohio, il 7 marzo del 1946, da Richard J. Aielli (fu un pianista jazz) e Theo Corrilla Guill (fu una cantante jazz).

Il nonno paterno, Louis Aielli, nacque a Atessa, in provincia di Chieti, il 21 agosto del 1892, da Zopito e Concetta D’Angelo – morì il 15 maggio del 1966 a Cincinnati in Ohio). La nonna paterna, Nicoletta Meale (nacque a Fossalto, in provincia di Campobasso, nel 1890 – morì l’11 gennaio del 1978 in Ohio).

La sua famiglia si trasferì a Killeen in Texas quando aveva otto anni. Studiò canto e pianoforte. Grazie al suo talento ottenne una borsadi studio per il pianoforte presso la “University of Texas” di Austin. La borsa di studio copriva solo le tasse scolastiche e lui non poteva permettersi vitto e alloggio. I suoi genitori erano entrambi musicisti: il padre era un pianista jazz, la madre una cantante. Tuttavia, il padre si oppose alla sua scelta del percorso professionale. John diciassettenne e bloccato a casa si mise alla ricerca di un lavoro, qualsiasi lavoro, per guadagnare abbastanza soldi da poter lasciare casa e andare ad Austin. Lo trovò alla stazione radiofonica “KLEN” di Killeen. John lavorò a lungo alla “KLEN” conducendo programmi di ogni genere, dal country al rock alla musica classica e alla fine si trovò a suo agio dietro al microfono. Amava ricordare di essere stato da solo alla stazione quando arrivò la notizia dell'assassinio di Kennedy. Alla fine approdò a Austin in Texas. Divenne “la leggenda della radio” con la stazione radiofonica “KUT e KUTX” con il suo programma: “Eklektikos “. Per il direttore del programma “KUTX” Matt Reilly: "John era un tesoro di Austin ed era una parte indelebile molte vite qui ad Austin. La sua prospettiva unica sul mondo ha reso lo stare con John una gioia. Le nostre vite sono meno interessanti senza di lui”. Conosciuto per la sua voce melliflua, le selezioni musicali eclettiche e le battute iconiche, John, registrò circa 70.000 ore in onda, più di 60.000 di quelle per KUTX e KUT di Austin, dal 1966. Per l'ex redattore di “Chronicle Arts” Robert Faires: "Nel mondo di John Aielli gli ascoltatori abituali del suo programma “” si aspettano questo tipo di fluido, disc jockey in forma libera, stravagante e intensamente personale nel programma mattutino dei giorni feriali. Sanno che in un dato giorno Aielli può suonare qualsiasi brano musicale, da un canto gregoriano a una nuova melodia, un oratorio di Händel a uno spettacolo televisivo tema, un raga indiano a una ballata da cowboy. I suoi gusti sono ampi come il cielo del Texas, sotto il quale ha vissuto da quando la sua famiglia si è trasferita nello stato quando aveva otto anni, e può essere ispirato dalla musica di qualsiasi età, qualsiasi genere, qualsiasi cultura". John Aielli morì, aveva 76 anni, il 31 luglio 2022 a Austin in Texas. La stazione radiofonica di Austin KUT annunciando la morte del suo storico conduttore ricordò: “John Aielli, è morto dopo due anni di lotta contro le complicazioni di un ictus che lo aveva colpito nel 2020. Aveva 76 anni. Aielli ha iniziato a lavorare in radio quando viveva a Killeen, ottenendo alla fine una borsa di studio per pianoforte. Arrivato nel 1966, fu assunto da KUT a soli 20 anni. Grazie alla sua esperienza, nel 1970 iniziò a condurre un programma mattutino intitolato "Eklektikos" alla KUT che divenne molto popolare per la sua varietà di generi musicali e per i frequenti ospiti che intervistava. Il programma è durato più di 50 anni. Pur essendo un conduttore radiofonico, aveva anche ambizioni musicali. Avendo una madre cantante jazz e un padre pianista, Aielli si è formato come cantante e ha tenuto recital annuali per tutti gli anni Settanta. Gli abitanti di Austin hanno imparato ad amare il suo Holiday Sing-Along al Texas Capitol. Aielli, grazie al suo impatto sulla radio di Austin, sarà sempre ricordato dagli ascoltatori e dalle persone che lo hanno conosciuto”.

Parolmente

Tienilo a Mente
ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Contatti
info@parolmente.it
Donazioni
Copyright © 2024 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu