Le pestilenze, le epidemie nella storia e il COVID 19

VITTORIO MORELLI.

Anche Pianella nel XVI-XVII secolo ha subito il fenomeno negativo della pestilenza causata dalle pulci del topo nero e grigio che invadeva le imbarcazioni, infettando i marinai e i soldati che erano a bordo.

  Il morbo da raggruppamenti militari passava ai civili e faceva una strage tra gli infetti; ne è la testimonianza la Peste del Trecento raccontata dal Boccaccio; la Peste del 600 raccontata dal Manzoni: i monatti raccoglievano i corpi degli appestati anche se moribondi, li caricavano su carrette e li seppellivano in fosse comuni; il colera dell’’800 e la Spagnola del XX secolo, epidemia sviluppatasi a cavallo della I Guerra Mondiale (sopre lu cotte lu vulléte).

  Come si difendevano i Pianellesi? Si difendevano chiudendosi in casa, nei palazzi o rifugiandosi nei casolari sperduti delle campagne. Il popolo ricorreva a decotti preparati con erbe miracolose, con le magie, lu bbré appeso al petto sotto  il camice; i più devoti  pregavano S. Rocco perché li guarisse dalla pestilenza.

  Le chiese, intitolate a S. Rocco, erano ubicate extra muros, a Pianella l’omonima Chiesa di Piana di S. Rocco, a Cepagatti a ridosso del Palazzo Fortificato, a Castelli poco fuori l’abitato, a Moscufo fuori dal paese sulla strada che porta a S. Maria del Lago e via dicendo; si può dire che quasi tutti i paesi tenessero una chiesa intitolata a S. Rocco con pala d’altare o statua.

  A Rapino, a Cepagatti, a Roccamontepiano erano molto diffuse le brocche e brocchette da vino; ogni famiglia, tra cui quelle pianellesi, che si recava a Roccamontepiano per la festa, riportava a casa una brocca di S. Rocco1. Alcune brocche portavano, oltre all’immagine del Santo, anche delle scritte augurali o apotropaiche.

  Le amministrazioni facevano vigilare e chiudere le porte della Città, notte e giorno, potevano uscire solo i campagnoli per lavori urgenti nelle campagne o per accudire gli animali.

  I nobili, i benestanti, i proprietari terrieri uscivano dai loro palazzi, imboccando i cunicoli sotterranei, che portavano fuori dalle mura della Città, e si recavano dai socci, dove alloggiavano nei Casamenti di campagna o Casini e isolandosi dagli altri.

  Il corpo di qualche appestato veniva seppellito addirittura sotto il manto del vicolo o della strada, dove era spirato, senza essere portato in chiesa o al cimitero adiacente la chiesa stessa. In alcune località i corpi venivano ammassati in stanze e bruciati col fuoco o con la calce.

  Le cripte erano riservate alle famiglie possidenti, che vantavano il diritto di padronato su un altare privilegiato o addirittura sulla chiesa stessa, nel caso della Badia di S. Spirito della famiglia De Caro.

1 Vittorio Morelli, La festa di S. Rocco in Roccamontepiano, racconto storico premiato al XVI    Concorso Premio Maiella, Abbateggio, 2013.

ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Copyright © 2022 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu