I restauri ed accomodi del Palazzo Comunale (Palazzo De Caro)

SILVIA CANCELLI

Oggi raccontiamo le varie fasi di restauro ed accomodi del Palazzo Comunale (Palazzo De Caro).
Le notizie sono il frutto dello studio delle carte durante il riordino dell’archivio storico comunale eseguito dall’archivista Margherita Ciammaichella e dalla sottoscritta.
Pertanto l’uso da parte di terze persone degli argomenti qui trattati sono condizionati alla citazione delle fonti e del nome delle autrici, soprattutto per onestà intellettuale.
Ma ora iniziamo con l'esposizione dei fatti.
Nel 1878 su progetto redatto dall’ing. Giovanni Vecchi, fu costruito un secondo piano nella casa comunale dall’impresa Lastrucci Eugenio.
Nel 1922 furono eseguiti altri lavori di restauro ed accomodi, ma già dal 1925 si avvertì di nuovo la necessità di una ulteriore sistemazione dell’edificio comunale.
Da una lettera del 6 maggio 1929, scritta dal Podestà De Collibus avv. On. Filandro al direttore generale del Banco di Napoli, si evidenzia che nel primo piano del palazzo comunale c’erano la Pretura e l’Ufficio del registro e nel secondo piano gli uffici comunali.
Nel 1933 a causa di gravi danni causasti al palazzo comunale dal terremoto, il Commissario prefettizio chiese di occupare in via temporanea come sede del Comune i locali scolastici in quanto quelli comunali necessitavano di urgenti restauri.
Nel 1937 il Podestà chiese alla marchesa Erminia Sabucchi alcuni locali del Palazzo De Felici sito in Piazza Garibaldi per trasferirvi gli uffici comunali. I locali che la marchesa poteva mettere a disposizione erano quelli a piano terreno prima detenuti dal Credito Adriatico che risultarono, però, non idonei.
Dopo lunga corrispondenza con il Presidente del Dopolavoro comunale e con il partito nazionale fascista si arrivò alla decisione di trasferire gli uffici comunali presso i locali tenuti dal Comitato comunale dell’Opera nazionale balilla sito nelle adiacenze del Dopolavoro.
I restauri nel Palazzo comunale sito in Piazza della Vittoria furono infine eseguiti nel 1940 dalla ditta Di Prospero Alfredo su progetto redatto dall’ing. Piccirilli Tommaso nel 1927.

In foto Palazzo De Caro.
La foto è presa dal web.

ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Copyright © 2022 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu