I portogalli (arance) a Pianella  nel 1875

Vittorio Morelli / Ven 6 maggio, 2022 /

Alcune fonti manoscritte, che riportano la voce “portogallo”, possono far luce sugli usi, sul lessico alimentare del Centro Sud.         

                   «Pianella 24 agosto 1875

Carissimo sig.r Giustino

Pregavi mandarmi cinque o sei limoni e tre o quattro portogalli che mi servono necessariamente.

Quando vengo io sarete rivalutato.

Salutandovi con amicizia mi firmo 

V/o amico

Zopito Prospero».

Dalla stringata richiesta, inviata da Zopito Prospero all’amico Giustino, si può capire che trattasi di un caffettiere o di un cuoco al servizio di una famiglia patrizia, il quale manda a chiedere al suo amico degli agrumi.

Il termine, riportato nella lettera Portogallo (arancia), purtuhalle (dialetto pianellese), chiaramente indica il paese originario della diffusione commerciale (XVI sec.). Portogallo, derivato dal luogo geografico, (in lingua portoghese Portugal), dal latino medievale Portus Cale, originariamente, il porto di Gaya, Oporto).

Il professor Francesco Corazzini, nel Dizionario metodico del 1885 alla voce ‘Portogallo’, riporta: “specie di arancia a buccia liscia e molto sottile. Nel Napoletano l’arancio si chiama sempre Portogallo e la pianta che lo produce Portogallara”.

Il termine arabo è burtuqāl, diffuso nelle varianti dialettali del Sud Italia.

La cucina tradizionale contiene termini molto antichi e rappresenta spie linguistiche di una realtà remota.

Particolare attenzione meritano i termini: mandricchje, sgajuzze, lazzarotte, cucchjare, bulegnane, carciofene.

Diversi termini derivano dal Germanico, dall’Arabo e dallo Spagnolo.

Probabilmente Zopito doveva preparare limonate, sorbetti insieme al caffè per Pianellesi e forestieri, visto il periodo caratterizzato dalla calura di agosto.

Borghesi e  notabili nella seconda metà dell’Ottocento in Piazza Garibaldi potevano permettersi di degustare bevande alla moda.

fonti

Apm, foglio sparso ms, anno 1875.

Vittorio Morelli, La cucina povera dell’area vestina, Pescara, 1993.

ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Copyright © 2022 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu