Carlo Carnicelli tra i progettisti del sottomarino a propulsione nucleare “USS Nautilus”

GEREMIA MANCINI.

Uno dei progettisti del sottomarino nucleare “USS Nautilus” (primo sottomarino nucleare operativo al mondo e il primo sottomarino a completare un transito sommerso del Polo Nord il 3 agosto 1958) era abruzzese. Carlo Carnicelli nacque a Tornimparte, nella frazione di Villagrande, in provincia di L’Aquila, il 28 novembre del 1914, da Panfilo e Sofia Giansante. Oltre a lui nella famiglia Carncicelli arrivarono: un fratello Floyd P Carnicelli (1916 – 1991) e due sorelle Julia e Esulina (nel censimento del 1940 risultarono avere rispettivamente 21 e 16 anni).

Il padre emigrò, alla ricerca del “sogno americano”, nel 1920 e giunse ad “Ellis Island” a bordo del piroscafo “Patria”. Carlo intanto studiò al Ginnasio scientifico dell’Aquila (1924-1928). Solo nel 1931 la famiglia Carnicelli poté riunirsi definitivamente negli Stati Uniti (a Masontown, contea di Fayette, in Pennsylvania). Carlo servì nella “U.S. Navy” dal 1932 al 1936. Si laureò all’Università del Michigan in Architettura Navale e Ingegneria Marina. Fu istruttore presso la “Architecture and Structural Engineering” e anche alla “Stevens Institute o Technology”.

Carlo Carnicelli partecipò alla progettazione e alla costruzione del “USS Nautilus” il primo sottomarino a propulsione nucleare del mondo. Il 21 gennaio 1954 avvenne il varo del sommergibile ed ebbe così inizio l’era della propulsione nucleare per i sottomarini. Ebbe una figli Linda Carnicelli. Carlo Carnicelli morì a Pittsburgh, aveva 87 anni, il 22 novembre del 2002.

A cura di Geremia Mancini – presidente onorario “Ambasciatori della fame”

Foto di repertorio

ll Blog Parolmente.it, si propone di promuovere il territorio, attraverso la diffusione di notizie a carattere turistico, ambientale sociale, politico (apartitico) e culturale.
Copyright © 2022 Parolmente.it All Rights Reserved
Instagram
magnifiercrossmenu